top of page

Primo caso in Italia che dà il via libera ad una CER in forma cooperativa a partecipazione pubblica


Grande soddisfazione per il nostro BUSINESS PARTNER "Part-Energy": primo caso in Italia che dà il via libera alla costituzione di una Comunità Energetica in forma cooperativa a partecipazione pubblica

La Sezione di Controllo della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia dà parere positivo alla costituzione di “Com-E' Fontanafredda”, che vede il Comune pordenonese come socio promotore e coordinatore e la Cooperativa Benefit “Part-Energy” di Udine, associata Legacoop Fvg, come partner tecnico e gestore di una nuova Comunità Energetica.


Proprio in un momento in cui i suoi poteri sono al centro della discussione politica nazionale, dalla Sezione di Controllo della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia arriva il primo storico “sì” in Italia alla costituzione di una Comunità Energetica in forma cooperativa a partecipazione pubblica.


Protagonisti di questa rivoluzionaria sentenza il Comune di Fontanafredda (Pn) e la società cooperativa Benefit Part-Energy di Udine, associata a Legacoop Fvg.


È così che dalla Corte dei Conti regionale è arrivato il via libera alla costituzione di “Com-E' Fontanafredda”, questo il nome della Comunità Energetica Rinnovabile fondata sul territorio, che vede il Comune pordenonese come socio promotore e coordinatore e Part-Energy come partner tecnico e gestore di una nuova Comunità Energetica. Attualmente sono in attivazione 2,4 MWp di impianti fotovoltaici a servizio di 57 edifici, ma già dalla data di attivazione ci sarà energia per soddisfare fino a 400 famiglie e imprese.


Una decisione storica


«Si tratta di un primo passo avanti – spiega il sindaco di Fontanafredda, Michele Pegolo – per la realizzazione della Comunità Energetica. Una conquista che potrà dare ora anche alle altre amministrazioni pubbliche d'Italia l'opportunità di avviare nuove CER».


Soddisfazione espressa anche dalla presidente di Legacoop Fvg, Michela Vogrig. «Una decisione che attendevamo da tempo e che sgombra finalmente il campo da ambiguità e dubbi interpretativi ma anche una punta di orgoglio che questo importante atto veda come apripista proprio il nostro territorio. Le comunità energetiche sono un’opportunità che dobbiamo saper cogliere per contrastare la povertà energetica a favore di famiglie e imprese, ma anche perché alimentano una cultura della comunità che promuove cooperazione e sostenibilità e questo mi sembra un ottimo investimento per il futuro».




42 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page